20/09/2017

Dall’espresso al macchiato passando per il ginseng. Mille e uno modi per ordinare il caffè dopo la pausa pranzo

Ogni palato ha le sue esigenze, soprattutto quando si parla di caffè. C’è chi lo vuole bollente, chi ristretto e chi ci aggiunge del latte, perché anche la richiesta più semplice spesso viene condita con altri ingredienti che trasformano l’intramontabile espresso in un rebus che molti baristi devono ancora risolvere. Non sembrano esistere regole quando si chiede un caffè al bar: ognuno segue i propri riti e piaceri, facendo richieste quasi al limite dell’assurdo. Gourmet Italia, società del Gruppo Dr. Schär specializzata nella produzione di piatti pronti surgelati, ha raccolto (quasi) tutte le richieste che ogni barista deve riuscire a soddisfare e ha stilato una lista di tutti i tipi di caffè che le persone chiedono al bar perché dopo aver mangiato un buon piatto ci vuole la ciliegina sulla torta!

  1. Lui, l’eterno espresso. Sarà il suo aroma o la sua prepotenza, ma l’espresso è il toccasana di moltissimi per affrontare una lunga giornata. Risveglia tutte le nostre cellule e pian piano ci permette di riprendere il lavoro con più grinta.
  2. Espresso sì, ma macchiato. E qui inizia la famosa lista di cui vi parlavamo prima. Un semplice espresso ma con del latte in aggiunta, che può essere a sua volta caldo o freddo a seconda delle preferenze.
  3. Un caffè schiumato. E’ come il caffè macchiato, ma anziché aggiungere del latte si aggiunge solamente la schiuma del latte caldo appena montato.
  4. Un caffè lungo. Si tratta di un espresso lasciato andare più a lungo, e quindi leggermente annacquato.
  5. Un caffè ristretto. Ci sono alcune persone che hanno bisogno del caffè ma in quantità moderate e così lo chiedono ristretto. Il barista interrompe il normale flusso servendoci quindi un caffè dall’aroma più deciso.
  6. Un decaffeinato. Per gli amici “un deca” o “un dec”. Vari modi per chiamare l’espresso senza caffeina.
  7. Un caffè doppio. Quando prevediamo una giornata veramente, ma veramente difficile e abbiamo bisogno di una vera e propria scossa che ci riporti in pista, il caffè doppio è quello che fa per noi. Due espressi in uno e il desiderio di fare un sonnellino dopo pranzo è magicamente annullato.
  8. Un americano. Dal nome è facile capire da dove proviene questa richiesta. Solitamente il caffè viene servito con una brocchetta di acqua calda per permettere al cliente di aggiungerne quanta ne vuole. Il risultato è un caffè (molto, ma molto) annacquato.
  9. Un caffè corretto. Al classico espresso viene aggiunta una piccola dose di liquore, in genere grappa o sambuca.
  10. Un ginseng. Direttamente dall’Asia, questo infuso dal gusto molto dolce è una delle alternative che si è ormai diffusa nei bar italiani.

Contatti

Per qualsiasi informazione puoi contattare il settore che più si addice alla tua richiesta, oppure invia una mail utilizzando il format.

aziendaprivato

Acconsento al trattamento dei miei dati personali*

* I dati inseriti e inviati tramite il seguente modulo sono raccolti, registrati, memorizzati e gestiti al fine di rendere possibile lo svolgimento del rapporto di fornitura e/o prestazione ai sensi dell’art. 13 della Legge 196/2003. In ogni momento, a norma dell’art. 7 e 8 della suddetta Legge, potrà avere accesso ai suoi dati, chiederne la modifica, la cancellazione o l’integrazione, oppure potrà opporsi al loro utilizzo scrivendo a Gourmet Italia Spa: commerciale@gourmetitalia.it.